Per partecipare al concorso
effettua la registrazione.

Registrati

Se sei già un utente
fai il login.

Ci sei quasi!
Conferma di voler partecipare al concorso e di aver letto il REGOLAMENTO

CONFERMO

Ops!
Devi avere almeno 18 anni per partecipare al concorso, continua a navigare sul nostro sito in cerca di ricette!

CHIUDI

Regole per la recensione

Finalità delle recensioni Buitoni Le recensioni sui prodotti Buitoni sono pensate per fornire delle valutazioni generali ad altri utenti che desiderano acquistare lo stesso prodotto, ottenere consigli, o fornire la propria opinione. Come fare per scrivere una recensione? Il primo passo per lasciare una recensione su uno dei nostri prodotti è effettuare la registrazione al sito www.buitoni.it. Una volta confermato l’account, per scrivere una recensione ti sarà sufficiente effettuare il login, selezionare la pagina del prodotto interessato ed effettuare un click sulla tab “recensioni e valutazioni”. Se la recensione verrà ritenuta idonea, la pubblicazione avverrà entro un massimo di 10 giorni dall'invio. (Questo solo per darci modo di verificare che quanto hai scritto segua effettivamente le regole sotto riportate). Privacy Se vuoi leggere nel dettaglio le condizioni di Privacy che regolano l’accesso al nostro sito accedi a questo link. Posso cancellare una mia recensione? No, non è possibile cancellare la propria recensione una volta pubblicata. Soltanto gli amministratori del sito http://www.buitoni.it/ possono eliminarla. Posso cancellare la mia registrazione?Se vuoi richiedere l’effettiva cancellazione delle tue informazioni puoi contattare il nostro Servizio Consumatori al numero verde 800.434.434 attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19. “REGOLE DI BUITONI ” Le recensioni e valutazioni di  BUITONI sono il luogo ideale per esprimere la propria opinione, condividere la propria esperienza con i prodotti Buitoni e suggerire alternative. E’ però fondamentale seguire alcune regole semplici ma importanti. Moderazione: Le regole indicate in questa pagina saranno utilizzate per valutare se i tuoi commenti possono essere pubblicati oppure no. Rispetto: Il rispetto si intende per tutto il sito e si riferisce al rispetto reciproco, di idee, sesso, razza, religione. Non saranno tollerati attacchi personali. Ogni commento è utile se fatto con buongusto. Minacce: Non saranno tollerate minacce di alcun tipo: incitamento all’odio, al razzismo, commenti omofobici e abusi di ogni genere. Le proteste e la propaganda politica non saranno ammesse. Contenuto: Gli utenti del sito Buitoni ne condividono le regole e sono responsabili dei contenuti che pubblicano. Accettano di non violare o infrangere diritti di terze parti, compresi i copyright, i trademark, la privacy o divulgare altre informazioni personali o di proprietà. Non sarà pubblicata qualsiasi forma di pubblicità. Il contenuto pubblicato dagli utenti su questo sito non riflette necessariamente le opinioni di Buitoni. L'azienda non è inoltre responsabile dei contenuti presenti ai link di terze parti o siti web e può rifiutare di pubblicare o rimuovere i messaggi che non siano compatibili con le regole, a cui si riserva il diritto di modifica in qualsiasi momento. Inoltre, saranno accettate e pubblicate le recensioni riguardanti l’esperienza di consumo/utilizzo dei prodotti Buitoni e l’esperienza di acquisto. Per altre tematiche legate, ad esempio, agli ordini, stato di consegna, metodi di pagamento, consigli per nuovi prodotti, etc… Per queste tematiche ti invitiamo a contattare il numero verde 800.434.434 attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19. Dialogo: Il sito è un luogo di interazione per chi vuole dare voce alle proprie esperienze con il mondo di Buitoni e trovare informazioni e consigli di altri utenti, ma è fondamentale rimanere in tema. I commenti riguarderanno molti argomenti ma se verranno ritenuti fuori tema, non costruttivi o inappropriati al contesto potranno non essere pubblicati. Spam: Spammare non è carino e allora perché farlo? Per qualunque problema o richiesta contattare il numero verde 800. 434.434  attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19. Diritti sui commenti trasmessi:Con l’invio dei tuoi commenti autorizzi Nestlé Italiana S.p.A. ad utilizzarli liberamente, a tempo indeterminato  e gratuitamente all’interno di questo sito. Inoltre Nestlé avrà diritto di usare i tuoi commenti, sempre a titolo gratuito, in ogni altro contesto, in forma integrale o in estratto, ivi incluso su materiale di packaging e promozionale/pubblicitario.

Olio di palma – Perché si usa nell’industria alimentare?

Circolano spesso in rete alcune informazioni inesatte sull’utilizzo dell’olio di palma nella produzione di alimenti; di seguito teniamo a precisare alcuni concetti fondamentali sulle caratteristiche e le proprietà di questo ingrediente.

Che cos’è e dove viene impiegato l’olio di palma? Perché viene utilizzato proprio l’olio di palma in ambito alimentare?

L’olio di palma è uno dei principali oli vegetali utilizzati dall’industria alimentare poiché possiede un ampia versatilità tecnologica e proprietà uniche che influiscono sulla struttura, aspetto, gusto e tempo di conservazione di molti prodotti. L'olio di palma viene utilizzato poiché ha un sapore neutro e per il suo elevato tenore di acidi grassi saturi (caratteristica che ha in comune con altri prodotti alimentari come il burro), che gli consente di non irrancidire. Grazie alle sue proprietà fisiche (durezza, consistenza e plasticità), conferisce ad un ampia gamma di alimenti una consistenza molto apprezzata (cremosità o croccantezza a seconda dei casi). Per taluni prodotti non esiste ancora un'alternativa vegetale a quest’olio senza che ne risultino profondamente modificate le caratteristiche dell’alimento. L’olio di palma viene impiegato inoltre anche in altri settori: per i prodotti per la cura della casa, come i saponi, i detergenti e gli alimenti per animali e nella produzione di biofuels.

L'olio di palma contiene acidi grassi trans?

L’olio di palma contiene una varietà di grassi, vitamine e sostanze nutritive, ma non acidi grassi trans. L’olio di palma è pressoché solido a temperatura ambiente e non necessita di idrogenazione. Di conseguenza l’olio di palma è stato ed è una valida alternativa ai grassi idrogenati e riveste quindi un ruolo centrale nella riduzione del contenuto di acidi grassi TRANS nei prodotti alimentari.  

Come sono etichettati in lista ingredienti gli oli e grassi vegetali compreso l’olio di palma?

La normativa vigente a livello nazionale e comunitario prevedeva che l’olio di palma o qualsiasi altro olio o grasso vegetale presente nel prodotto alimentare venisse indicato in lista ingredienti sotto la categoria generica “olio/grasso vegetale”, senza indicazione della origine vegetale specifica. A partire dal 13 Dicembre 2014, con l’entrata in vigore del nuovo Reg. UE 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, è diventato obbligatorio a livello comunitario indicare anche l’origine vegetale specifica degli oli e grassi vegetali presenti nel prodotto.

È vero che l’olio di palma fa male alla salute?

Il consumo di olio di palma non comporta in sé conseguenze negative per la salute. L'olio di palma è un olio vegetale ricco di sostanze nutrienti necessarie per il fabbisogno energetico giornaliero e rappresenta ad esempio una preziosa fonte di beta carotene e vitamina E. Alcuni studi hanno scoperto che i tocoferoli e i tocotrienoli (isomeri della vitamina E) contenuti nell'olio di palma, sono preziosi antiossidanti. Questo olio vegetale poi ha un contenuto leggermente inferiore di grassi saturi rispetto al burro e l'acido palmitico - di cui è essenzialmente composto - si ritrova in moltissimi alimenti, dal latte materno all'olio d'oliva. Allo stato dell’arte, le raccomandazioni della comunità scientifica sono volte più a limitare la quantità globale di acidi grassi saturi assunti con la dieta, e non danno specifiche raccomandazioni sulla fonte di questi nutrienti, come l’olio di palma. Diversi studi scientifici hanno infatti notevolmente ridimensionato il ruolo negativo degli acidi grassi saturi sull’innalzamento del colesterolo sanguigno; in particolare è stato dimostrato che l’acido palmitico contenuto nell’olio di palma ha un effetto neutrale sul colesterolo sanguigno.

E’ vero che Nestlé è implicata nella distruzione delle foreste in Indonesia causata dalla produzione di olio di palma?

Nestlé non possiede alcuna piantagione di palme da olio, né in Indonesia, né in alcuna parte del mondo, e al contrario si oppone fortemente alla deforestazione delle foreste pluviali non solo indonesiane, ma di tutto il mondo. Nestlé si è fortemente impegnata a utilizzare esclusivamente olio di palma proveniente da fonti sostenibili certificato RSPO: nel settembre del 2013 abbiamo raggiunto il nostro obiettivo e il 100% dell’olio di palma da noi utilizzato è certificato da RSPO, ben due anni in anticipo rispetto all’impegno pubblico che avevamo assunto.  

Cosa facciamo ora.

I rapporti con il fornitore in questione sono stati subito interrotti, sospendendo la produzione per tutto il tempo necessario a effettuare ulteriori controlli su tutte le forniture e introducendo tra le analisi di routine una nuova procedura che consente di escludere con certezza la presenza di DNA equino. Sono stati quindi individuati fornitori in grado di assicurare controlli rafforzati e la produzione di "Ravioli al brasato" e "Tortellini alla carne" Buitoni è ripresa regolarmente a partire dal 25 febbraio 2013. I prodotti sottoposti alle nuove procedure di controllo sono stati messi sul mercato con l'etichetta "carne bovina selezionata".

Perché Buitoni ha deciso di ritirare alcuni prodotti.

Appena sono emersi casi di etichettatura fraudolenta legati alla presenza di carne di cavallo in alimenti a base di bovino di altri marchi, Buitoni ha subito disposto verifiche approfondite e mirate sulle materie prime che utilizza. In alcuni lotti di carne bovina, provenienti da un unico fornitore, le analisi hanno rilevato tracce di DNA equino, in misura di poco superiore alla soglia considerata "accidentale" (circa l'1%). Pur non essendoci mai stato nessun rischio legato al consumo, Buitoni ha ritirato dal mercato alcuni lotti di pasta ripiena, in ragione della mancata corrispondenza del contenuto con quanto dichiarato in etichetta.

Le garanzie.

Per meglio rispondere alle aspettative dei nostri consumatori, lo stabilimento di Moretta ha sviluppato un Sistema di Gestione Integrato di Qualità, Sicurezza Alimentare, Sicurezza Occupazionale e Ambientale, certificato da ente terzo indipendente. In particolare le Norme ISO 9001:2008 (Qualità), ISO 22000:2005 e FSSC 22000:2011 (Sicurezza Alimentare), OHSAS 18001:2007 (Sicurezza Occupazionale) e ISO 14001:2004 (Ambiente) sono state prese come riferimento per la certificazione del nostro Sistema di Gestione Integrato. Presso lo stabilimento, dotato di laboratori appositi per le analisi chimiche, microbiologiche e sensoriali, si effettuano oltre 30.000 analisi l'anno.

La piramide alimentare e del movimento

 
PIRAMIDE ALIMENTARE
sx-piramide-ali
La piramide alimentare è una valida guida che ti aiuta a scegliere gli alimenti più adatti al tuo personale fabbisogno energetico. Quali sono le regole per una corretta alimentazione?
  • Mangiare poco, ma di tutto.
  • Consumare 4/5 pasti al giorno ben distanziati tra loro: 3 pasti principali, uno snack a metà mattina e la merenda.
  • Bere da 1,5 a 2 litri di acqua al giorno.
  • Scegliere maggiormente gli alimenti alla base della piramide, variandoli il più possibile.
  • Alternare le fonti proteiche: carne, uova, pesce e legumi.
  • Privilegiare l'olio extra vergine d'oliva.
  • Non eccedere nel sale e nelle bevande alcoliche.
  • Scegliere sistemi di cottura che non richiedano l'aggiunta di condimenti, come la bollitura, la cottura al vapore, al forno.
PIRAMIDE DEL MOVIMENTO
Come per l'alimentazione, anche per l'attività fisica esistono alcune linee guida. Questa piramide mostra quali attività privilegiare quotidianamente e quali invece svolgere due o tre volte alla settimana per mantenersi in forma: una delle prime regole per migliorare il proprio stile di vita infatti è evitare la sedentarietà.
REGOLE PER UNA CORRETTA IDRATAZIONE
Circa il 60% del nostro organismo è costituito da acqua. L'acqua introdotta attraverso alimenti e bevande, oltre a quella metabolica prodotta dalla respirazione cellulare, deve essere continuamente integrata. Il nostro organismo, infatti, ha scorte idriche molto limitate e senza acqua morirebbe nel giro di pochissimi giorni. Il fabbisogno di un adulto è di circa 2,5 litri al giorno.
  • 300 ml derivano dalle reazioni che avvengono nell'organismo.
  • 1000 ml vengono introdotti con l'alimentazione, soprattutto frutta e verdura, e in parte con pane, pasta e cereali.
  • I restanti 1000-1200 ml devono essere introdotti con le bevande, soprattutto acqua, ma anche il latte è un'ottima scelta.
L'importante è anticipare la sete. Ci sono alcune regole semplici ma efficaci per garantire una corretta idratazione.
  • Bere spesso, senza aspettare di avere sete, a piccoli sorsi.
  • Bere almeno 1,5 litri d'acqua al giorno, per garantire un corretto funzionamento cellulare e un'adeguata eliminazione delle scorie.
  • Optare per un'acqua a basso contenuto di sodio, per aiutare il processo depurativo ed evitare la ritenzione idrica.
  • Evitare di bere acqua gelata.

Equilibrio energetico

Alla base di uno stile di vita sano c'è un sottile e delicato bilanciamento tra alimentazione e abitudini quotidiane che può essere definito "equilibrio energetico".
Il fabbisogno calorico quotidiano varia in funzione dei diversi stili di vita, ma in generale possiamo dire che è di 2400-2900 kcal per gli uomini e di 1900-2200 kcal per le donne. Ma come vengono spese queste calorie?

COME MANTENERSI ATTIVI E BRUCIARE CALORIE

È fondamentale fare attività fisica quotidianamente. Ma quante calorie si possono bruciare a seconda dell’attività che si sceglie? Dipende dall’età e dal peso corporeo della persona.

Ecco un esempio del numero di calorie bruciate con vari tipi di esercizi, basato su 30 minuti di allenamento:

  • Nuoto e ciclismo: tra 250 e 350
  • Tennis (singolo): tra 292 e 407
  • Salto della corda: tra 376 a 521
  • Pattinaggio a rotelle: tra 550 e 750
  • Corsa (a 3,5 km/ora): tra 545 e 750

Anche l’attività fisica svolta a casa consente di bruciare calorie: pulire casa, lavare le finestre, salire e scendere scale sono tutte attività che ci aiutano a bruciare calorie.

I nutrienti: Il nostro carburante quotidiano

I nutrienti costituiscono il carburante ideale per i nostri muscoli e forniscono una buona quantità di energia di pronto impiego.
Scopri quali sono e le giuste quantità.

Carboidrati
Sono suddivisi in semplici (si trovano nello zucchero comune, nel latte, nella frutta, nel miele e nelle marmellate) e complessi (nel pane, nella pasta, nel riso, nelle patate, nel mais). Costituiscono il carburante per i nostri muscoli e il nostro cervello, sono facilmente disponibili e forniscono una buona quantità di energia (in media 4 kcalorie per grammo) di impiego immediato. Circa il 55-60% delle calorie giornaliere dovrebbe provenire dai carboidrati, prevalentemente di tipo complesso.

Proteine
Servono per la formazione ed il mantenimento dei nostri tessuti (muscoli, pelle, mucose, ecc.) degli ormoni, entrano a far parte del sistema immunitario, sono coinvolte nella visione. Sono contenute negli alimenti di origine animale (carne, latte, uova, pesce) e vegetale (in particolare nei legumi). Circa il 10-15% delle calorie quotidiane dovrebbe essere di origine proteica.

Grassi
Sono principalmente suddivisi in saturi (solidi a temperatura ambiente, come il burro) e insaturi (liquidi a temperatura ambiente, come l'olio). Costituiscono un'importante riserva di energia (ogni grammo di grasso fornisce circa 9 kcalorie), compongono le membrane cellulari e sono fondamentali nel metabolismo di alcuni tipi di vitamine dette liposolubili. Nella dieta quotidiana, i grassi non dovrebbero superare il 25-30% dell'apporto totale. È preferibile consumare oli vegetali, che forniscono vitamine ed acidi grassi essenziali.
Il consumo di burro e grassi di origine animale, ricchi in saturi, andrebbe invece limitato.

Vitamine
Suddivise in liposolubili e idrosolubili, queste sostanze intervengono nei meccanismi della liberazione e dell'utilizzo dell'energia contenuta negli alimenti, della crescita, della coagulazione del sangue, della vista, dell'assorbimento del ferro, della prevenzione dei processi di invecchiamento, della prevenzione di alcune malattie.

Antiossidanti
Contenuti in molti vegetali, aiutano a combattere i radicali liberi (molecole instabili che si formano nel corso di svariati processi metabolici e danneggiano le cellule dell'organismo).
È consigliabile non superare la quantità giornaliera indicativa GDA.
Il valore di riferimento delle GDA per il sodio è di 2,4g (corrispondente a 6g di sale da cucina).

Materiali
Contribuiscono alla formazione delle ossa e dei denti, regolano l'equilibrio idro-salino e la permeabilità delle membrane biologiche, attivano alcuni cicli metabolici. Anche se presenti in piccole quantità nel nostro organismo, sono indispensabili per la salute.

Stili di vita

La salute e il benessere iniziano dalla tavola: una dieta sana e corretta, infatti, rappresenta la premessa per uno stile di vita equilibrato e attivo. È essenziale sottolineare che il benessere non è fatto di grandi rinunce, ma si basa su piccoli accorgimenti da seguire quotidianamente.

  • Fare dei pasti completi variando spesso i cibi presenti sulla tavola: in questo modo si eviterà la tentazione di "pasticciare" tra i pasti.
  • Fare un'abbondante prima colazione perché, dopo una notte di sonno, il nostro organismo ha bisogno di energia per rimettersi in moto e trovare il buonumore per affrontare la giornata.
  • Strutturare il pranzo mangiando di tutto, tenendo d'occhio la quantità, ma appagando completamente il senso di fame. Sulla tavola non dovranno mai mancare frutta e verdura, scelte fra quelle di stagione. In più è fondamentale mangiare lentamente, senza stress o distrazioni per gustare al meglio il piacere del cibo.
  • Fare una cena equilibrata e leggera, pensando che di notte il corpo riposa ed esige solo l'energia necessaria per mantenere in funzione gli organi (metabolismo basale). Questo significa che gli eccessi alimentari serali implicano un'energia inutilizzata che rischia di essere immagazzinata sotto forma di grasso. Inoltre, è bene facilitare la digestione evitando piatti pesanti e troppo conditi.
  • Concedersi spuntini per i buchi allo stomaco di metà mattino o del pomeriggio, con uno yogurt o un frutto oppure una barretta ai cereali. In più, bere molta acqua nel corso della giornata per idratarsi nel modo corretto.
  • Praticare esercizio fisico regolarmente (meglio se quotidianamente). Un esercizio fisico costante, anche se moderato, è in grado di migliorare la risposta immunitaria, con influssi benefici sul corpo e anche sulla nostra mente.

Informazioni nutrizionali

Nei prodotti Buitoni potrete trovare tutte le informazioni nutrizionali grazie al Nutritional Compass ed alle GDA - Guideline Daily Amounts - le Quantità Giornaliere Indicative di energia e nutrienti adeguati a una alimentazione equilibrata.

IL NUTRITIONAL COMPASS

Il Nutritional Compass è uno strumento utilissimo e di facile consultazione che ti fornisce informazioni importanti e consigli preziosi riguardo la nutrizione, la salute e il benessere dei nostri prodotti. Oltre alla tabella con i valori nutrizionali dell'alimento, c'è il box "Buono a sapersi", dove scoprirai tutto ciò che devi sapere sui nutrienti fondamentali del prodotto. Il box "Il buon consiglio" / "Il benessere inizia dalla tavola", ti offrirà invece una miniguida ricca di utili suggerimenti sulle buone abitudini alimentari e sull'importanza del movimento. Il box "Contattaci" ti offrirà un numero verde, sempre a tua disposizione, per rispondere direttamente a ogni tua domanda.

GDA (Guideline Daily Amounts)

Le GDA (Guideline Daily Amounts) sono una guida per capire le Quantità Giornaliere Indicative di energia e nutrienti adeguati ad una alimentazione equilibrata.
Nelle confezioni si evidenzia la % delle quantità giornaliere indicative dei nutrienti presenti per porzione, sulla base di una dieta da 2000 kcal.
Utilizzando le informazioni nutrizionali e le GDA sulle confezioni, si confrontano i prodotti e si presta attenzione alla propria alimentazione.
Sul fronte delle confezioni, l’icona dell’energia esprime le kcal per porzione e la percentuale della quantità indicativa giornaliera per l’energia. Si possono trovare anche l’icona degli zuccheri, grassi, grassi saturi e sodio.



Calorie
Le calorie misurano la quantità di energia che si assume durante il giorno con gli alimenti, l'energia necessaria non solo per la nostra attività fisica e movimento ma per qualsiasi cosa facciamo anche dormire e respirare. Il valore di riferimento delle GDA per l'energia è 2000 kcal.

Zuccheri
Gli zuccheri forniscono al corpo energia. Importante è non superare la quantità giornaliera indicativa. Il valore di riferimento delle GDA per gli zuccheri è 90g.

Grassi
Vediamo solitamente due differenti tipi di grassi sulle etichette delle confezioni. I grassi totali e il valore relativo dei grassi saturi. Il valore di riferimento delle GDA per i grassi è di 70g.

Grassi saturi
I grassi saturi non dovrebbero superare la quantità giornaliera indicativa GDA. Il valore di riferimento delle GDA per i grassi saturi è di 20g.

Sodio
Il sodio è il componente del sale che regola gli equilibri idrici di tutto il nostro corpo.
È consigliabile non superare la quantità giornaliera indicativa GDA. Il valore di riferimento delle GDA per il sodio è di 2,4g (corrispondente a 6g di sale da cucina).

La dieta mediterranea

Nel novembre 2010 l'Unesco ha incluso la dieta mediterranea tra i Patrimoni orali e immateriali dell'umanità. Ma cosa contraddistingue questa dieta? In particolare colpisce per il suo potente effetto antiossidante dovuto al notevole apporto di vitamine e sali minerali: in questo modo, contrasta l'azione negativa dei radicali liberi. La cucina mediterranea è ricca di carboidrati e relativamente povera di grassi animali e di carne. Si basa su cereali ad alto valore nutrizionale come il frumento, un'ampia disponibilità di ortaggi, frutta e legumi, colture specifiche come la vite e l'ulivo, una grande tradizione nel trattare i latticini e la possibilità di usufruire di un mare pescoso. Se parliamo di dolci, la frutta secca è la vera protagonista: mandorle, fichi e datteri, sono ricchi di principi nutritivi e forniscono un apporto fondamentale di acidi, grassi insaturi, fibre, proteine, vitamine e minerali. Due esempi di tipiche ricette mediterranee che fanno bene? La pasta e fagioli: l'abbinamento di pasta e legumi, offre infatti un apporto proteico paragonabile a quello della carne e presenta un basso indice glicemico, ideale per chi é predisposto al diabete. Ma anche la semplice pasta al pomodoro condita con olio extravergine d'oliva:ricco di principi antiossidanti e di licopene in quanto precursore del betacarotene e della vitamina A.

Verdure

Le verdure si potrebbero distinguere in tre categorie: ortaggi a foglia/fiore/fusto, ortaggi a frutto e radici/tuberi/bulbi.

Caratteristica generale delle verdure è l’altissimo contenuto di acqua (mai inferiore al 75%), cui fanno riscontro quantità molto piccole di proteine, di carboidrati (con l’eccezione dei tuberi, per l’elevato contenuto di amidi) e di lipidi.

La maggior parte di esse non contribuisce in maniera rilevante all’apporto energetico giornaliero, ma rappresenta una fonte cospicua di vitamine e minerali.

Il consumo quotidiano di 5 porzioni di frutta e ortaggi è considerato una delle basi fondamentali di una corretta e salutare alimentazione. Le verdure possono essere consumate crude o cotte, secondo le innumerevoli ricette. Le loro proprietà nutrizionali rimangono tuttavia intatte solo nel prodotto crudo.


È inoltre vantaggioso scegliere verdure di stagione perché la coltivazione senza forzature può contribuire a renderle più ricche di sostanze nutritive.

Uovo

L’uovo costituisce una preziosa fonte proteica. È un alimento mediamente calorico, ma piuttosto saziante, anche grazie alla discreta quantità di lipidi contenuta.

Spesso questo alimento viene visto nella sua eccezione negativa, soprattutto in relazione al suo contenuto in colesterolo: in realtà il colesterolo sintetizzato dal nostro organismo è molto maggiore di quello che viene apportato con gli alimenti. Al massimo l’uovo va sconsigliato a chi già soffre di ipercolesterolemia.

Oltre al colesterolo, però, l’uovo apporta anche una serie di nutrienti importanti tra i quali vitamine (soprattutto A e D) e minerali (principalmente calcio e ferro).

Tonno

Il tonno è un pesce dalle ottime proprietà nutrizionali: quello fresco ha un quantitativo non eccessivo di calorie (circa 159/100gr), apporta proteine di elevato valore biologico ed è povero di sodio. Il tonno contiene circa 8% di grassi, la maggior parte dei quali sono insaturi (mono e polinsaturi), ovvero quelli definibili come grassi “buoni”. Il tonno apporta anche minerali tra i quali ricordiamo potassio, fosforo e selenio.

Il tonno di uso più comune, data la sua praticità, è quello in scatola che può essere sott’olio o al naturale. Entrambi presentano un quantitativo di sodio più elevato rispetto al prodotto fresco e, nel caso del tonno sott’olio, anche un maggior contenuto di grassi (normalmente di origine vegetale). Il quantitativo proteico ed in minerali del prodotto non presenta invece sostanziali differenze rispetto al prodotto fresco.

Spinaci

Gli spinaci rappresentano un’ottima verdura da inserire nella dieta grazie al basso apporto energetico che li caratterizza. 100 grammi di prodotto, infatti, apportano circa 23kcal e sono una fonte di vitamina A. Inoltre gli spinaci costituiscono una delle principali fonti di acido folico, vitamina di cui aumenta il fabbisogno durante la gravidanza.
Il ferro invece, che rende questo ortaggio conosciuto anche dai più piccoli, è presente sotto forma di un sale che rende questo minerale poco assimilabile e che quindi viene trattenuto solo in parte dal nostro organismo.
Per beneficiare al meglio delle proprietà nutritive degli spinaci sarebbe meglio consumarli con del limone che rende il ferro maggiormente assimilabile e, al fine di evitare le perdite in oligoelementi, non bollirli troppo.

Salmone

Il salmone rientra nella categoria dei pesci grassi. Le caratteristiche nutritive variano però in funzione di diversi parametri: il tipo di pesca (in fiume o in mare), l’età dell’animale al momento della cattura, il tipo di conservazione (fresco, conservato sotto sale o affumicato). Ad esempio, il pesce giovane ha un contenuto in grassi piuttosto basso, ma tale valore si innalza notevolmente nell’adulto (fino al 14%). Anche il pesce allevato in vasche è molto più grasso del pesce pescato in acque libere, oltre ad avere carne meno pregiata e compatta.

Il salmone, come altri pesci grassi, risulta però ricco in grassi omega-3, una categoria di lipidi insaturi essenziali che il nostro organismo non riesce a sintetizzare e che, pertanto, deve obbligatoriamente introdurre con la dieta. Il salmone rappresenta comunque, come i prodotti della pesca in generale, una buona fonte di proteine, fosforo, potassio, sodio, vitamine D, E e del gruppo B. Il salmone viene genericamente conservato in scatola oppure viene affumicato. Può essere cucinato alla griglia, arrosto, in umido. Viene frequentemente consumato anche crudo.

Salame

Il salame è uno dei salumi più noti nella nostra tradizione alimentare e ne esistono di varia composizione ed origine. Mediamente questo alimento è piuttosto calorico (circa 475 Kcal/100gr), contiene grassi in buona parte saturi e proteine di elevata qualità – data l’origine animale.

Come tutti gli insaccati, anche il salame ha un contenuto di sodio molto elevato (circa 1850mg/100gr) dovuto al sale che viene aggiunto per permetterne la conservazione.

Riso

Il riso deve il suo valore nutritivo (oltre 350 kcal per 100 grammi) all’elevato contenuto di amidi. Contiene pochi grassi ed è privo di glutine: per questo motivo può essere consumato anche da chi soffre di celiachia. Il riso è anche ricco di minerali come potassio, calcio, fosforo, ferro, manganese, iodio e sodio; questi però sono particolarmente concentrati negli strati esterni del chicco che si perdono nei processi di raffinazione.

Il riso integrale, al quale vengono asportate solo le parti più esterne e dure, risulta più ricco di proteine, di fibra e di minerali rispetto al riso bianco brillato.

Ricotta

La ricotta è un latticino prodotto dalla coagulazione termica del siero del latte vaccino, ovino o caprino, che deriva a sua volta dalla produzione del formaggio.

Sotto l’aspetto nutrizionale, è difficile individuare delle caratteristiche univoche sia a causa delle diverse tipologie di prodotto presenti sul mercato, sia perché le proprietà nutritive della ricotta dipendono molto dal latte di partenza.

Oltre alla ricotta fresca, sono reperibili in commercio la stagionata, la affumicata e quella cotta al forno. La ricotta fresca può essere utilizzata come ingrediente per numerosissimi dolci e ripieni di pasta fresca o di torte salate. La ricotta stagionata si consuma per lo più grattugiata, come condimento. È inoltre necessario distinguere tra la ricotta ottenuta esclusivamente dall’acidificazione del siero e quella addizionata di panna o latte. Quest’ultima infatti risulterà più saporita, ma anche molto più calorica.

Il valore nutritivo delle proteine della ricotta (circa 12 g/100g), poiché prodotta con le sole proteine del siero, è superiore, anche se di poco, a quello dei formaggi. Minore però è il contenuto in calcio e in vitamine. La ricotta prodotta dal siero di latte vaccino ha un contenuto in grassi molto inferiore rispetto a quella prodotta da latte di pecora o bufala ed in generale molto minore rispetto agli altri formaggi di comune utilizzo (ad esempio il parmigiano).

Radicchio

Il radicchio rosso è un vegetale tipicamente italiano, dal caratteristico colore rosso e dal sapore amarognolo. Presenta un contenuto calorico estremamente ridotto (circa 13 kcal/100 gr) e questo lo rende adatto ad un consumo anche giornaliero.

Il radicchio rosso contiene una buona quantità di potassio, fibra e vitamina C, la quale preserva al meglio le sue proprietà se questo vegetale viene consumato fresco e a crudo in insalata.

Prezzemolo

Il prezzemolo è senza dubbio una delle principali erbe aromatiche utilizzate nelle nostre cucine, principalmente per insaporire salse, sughi e ripieni.

Le foglie fresche del prezzemolo contengono ferro, calcio, fosforo ed un quantitativo elevato di vitamina A e C. Proprio il prezzemolo costituisce una delle fonti più ricche di vitamina C, sebbene questi valori perdano di importanza se si considerano le piccole dosi di prezzemolo che solitamente si utilizzano per preparare le pietanze. Inoltre, interessante è il contenuto in apigenina, molecola antiossidante appartenente alla famiglia dei “flavonoidi” antiossidanti.

Pomodoro

Molta acqua, poche calorie: sono due delle tante caratteristiche che fanno del pomodoro un alleato del nostro benessere. Esso contiene basse quantità di proteine, lipidi e zuccheri (prevalentemente glucosio e fruttosio). Nell’acqua sono però disciolte molte molecole come i sali minerali, tra i quali potassio e calcio.

Platessa

La platessa è un pesce caratterizzato da carni magre, con un contenuto lipidico variabile dall’1 al 2%. In Italia viene perlopiù commercializzata in filetti surgelati: i prodotti della pesca conservati per surgelazione sono dal punto di vista nutritivo simili ai prodotti freschi. Questo pesce può essere preparato alla griglia, in padella o fritto.

Può essere introdotto efficacemente in una dieta finalizzata alla perdita di peso corporeo, ovviamente scegliendo condimenti e modalità di cottura idonei che evitino un aumento dell’apporto calorico del prodotto finito.

Pizza

La pizza rappresenta uno degli indiscussi protagonisti della nostra tradizione mediterranea. Le sue proprietà nutrizionali ricalcano all’incirca quelle del pane. Molto importante è però valutare le caratteristiche del condimento che possono incrementare il contenuto calorico: si può passare infatti dalle 500kcal circa per una "margherita" media fino alle oltre 900kcal per una “quattro stagioni”.

In generale, la pizza costituisce un alimento completo e può pertanto rappresentare un ottimo piatto unico: fornisce infatti una buona dose di carboidrati e di proteine, oltre ad un corretto apporto di lipidi distribuiti tra saturi, monoinsaturi e polinsaturi.

Inoltre possiede una buona dose di micronutrienti come il licopene (presente nel pomodoro), il beta-carotene (dal basilico), la vitamina E e i polifenoli (nell’olio d’oliva).

Piselli

Tra i legumi, i piselli sono senza dubbio quelli meno calorici. Come tutti i legumi, contengono proteine di discreta qualità che possono però essere integrate con quelle di altri alimenti come, ad esempio, i cereali. Sono altresì ricchi di alcuni minerali e oligoelementi, tra i quali il ferro, il potassio e il fosforo. Contengono anche una discreta quantità di vitamine A, C, B1, B2 e PP.

Inoltre, la minor concentrazione di amido rispetto ad altri legumi li rende più digeribili, mentre il basso contenuto in lipidi consente ai piselli di entrare a far parte anche delle diete ipocaloriche. I valori di carboidrati e le proteine variano però notevolmente a seconda che si parli di piselli freschi o secchi: infatti, mentre nei primi sono presenti in quantità tali da fornire circa 80 calorie ogni cento grammi di prodotto, nei piselli secchi le proteine rappresentano circa il 20% e i carboidrati l'80%, con un conseguente potere calorico di oltre 300 calorie ogni cento grammi di prodotto.

Pesci

In ambito alimentare i pesci possono essere classificati in magrissimi (meno dell’1% di lipidi: merluzzo, orata, nasello), magri (1-3% di lipidi: sogliola, spigola, trota, cernia), semigrassi (3-10% di lipidi: acciuga, tonno, sardina) e grassi (più del 10% di lipidi: salmone, sgombro, aringa). Il pesce è facilmente digeribile e fornisce un apporto calorico generalmente basso: è quindi un alimento chiave anche nelle diete ipocaloriche.

Contiene proteine definite ad “alto valore biologico” (10-20%), in quanto contenenti aminoacidi essenziali per il nostro organismo. Nel pesce sono molto ben rappresentati gli acidi grassi polinsaturi, in particolare gli omega-3 e contiene buone quantità di fosforo, calcio e iodio.
Per quanto riguarda le vitamine sono presenti prevalentemente quelle del gruppo B e le vitamine A, D ed E.

La scelta della tipologia di cottura più idonea può essere un elemento determinante nel mantenere il più possibile inalterati i componenti nutrizionali del pesce (ad esempio scegliendo la cottura al forno). La frequenza di consumo consigliata è di almeno due porzioni alla settimana.

Peperoncino

Il peperoncino, nelle sue numerose varianti, è un frutto comunemente utilizzato in piccole quantità per il gusto caratteristico che conferisce ai cibi. Presenta mediamente poche calorie (circa 25/100gr), è poverissimo in grassi, ha buone quantità di potassio ed è ricco di vitamina C e vitamina A.

Il peperoncino contiene capsaicina, una sostanza che gli conferisce la caratteristica “piccantezza” alla quale alcuni studi conferiscono proprietà salutistiche di vario genere.

Patata

La patata è un alimento molto nutriente che presenta un elevato contenuto di amido, come il pane e la pasta. Essa può rappresentare quindi una valida alternativa a questi alimenti dai quali si differenzia per un minore contenuto calorico (circa 85kcal/100g). La patata ha inoltre un modestissimo contenuto di grassi (inferiore all’1%) e di proteine. 

Tale tubero costituisce una buona fonte di potassio e fosforo che in parte passano nell’acqua di cottura se non viene fatto bollire intero con la buccia.

Pasta di semola

La pasta di semola costituisce uno dei punti cardini della nostra tradizione mediterranea. Da un punto di vista nutrizionale, essa risulta in gran parte costituita da carboidrati complessi (amido) che dovrebbero rappresentare il 55%-60% dell’introito calorico giornaliero. Per coprire questo fabbisogno si può consumare appunto la pasta, ma anche altri prodotti tra i quali pane, riso, farro, polenta, patate, ecc. che ne rappresentano una valida alternativa.

100 grammi di pasta apportano circa 360 calorie. Bisogna però prestare attenzione ai sughi e ai condimenti utilizzati per la preparazione dei piatti, in quanto possono far aumentare notevolmente la quantità di calorie apportate.

Orzo

L’orzo è il cereale con il contenuto più elevato di fibre, in particolare di fibre solubili. Queste svolgono notevoli attività positive all’interno del nostro organismo. Ha la caratteristica di rigonfiarsi molto durante la cottura: questo, unito all’abbondanza di fibre, consente di preparare pietanze sazianti e, al tempo stesso, con un basso apporto calorico. 

Il contenuto in fibre dipende comunque dalla tipologia di orzo: l’orzo raffinato contiene infatti meno fibre, ma anche minor quantità di altri principi nutritivi, come vitamine e minerali.

Olio extra vergine d’oliva

È il condimento principale della tradizione culinaria mediterranea, è buono, nutriente e salutare.

L’olio extra vergine d’oliva è l’unico che, ottenuto mediante operazioni meccaniche (la spremitura per pressione, la centrifuga o il percolamento) può essere, a ragione, considerato un "succo" naturale al cento per cento.


Gli antiossidanti di cui è ricco svolgono un’azione preventiva nella formazione dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento. Una dieta che preveda l’uso dell’olio extravergine d’oliva ha dunque un effetto protettivo e antinvecchiamento.


Facilmente digeribile, in quanto attiva la peristalsi intestinale, è il condimento ideale per coniugare gusto, leggerezza e salute.


Può fregiarsi della dicitura "extra" solo quell’olio ricavato direttamente per estrazione di tipo meccanico dal frutto dell’oliva, dal gusto assolutamente perfetto, con un’acidità libera espressa in acido oleico non superiore a 1 grammo per 100 grammi.

Noci

Le noci, come praticamente tutta la frutta secca, sono ricche di nutrienti, ma anche di calorie: possiedono infatti poco meno di 600 kcal per 100 grammi. Tra le caratteristiche delle noci non va sottovalutato il buon apporto di calcio, ma soprattutto di acidi grassi insaturi e polinsaturi.

Anche le proteine delle noci sono importanti: sono infatti ricche di arginina che costituisce uno dei cosiddetti aminoacidi essenziali (ossia è un aminoacido che deve essere introdotto con la dieta in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo).

Le proprietà positive di questi composti si sommano a quelle di sostanze presenti in quantità minori tra le quali vitamina E (importante antiossidante), magnesio, fibra ed acido folico.

Mozzarella

La mozzarella è un formaggio a pasta filata prodotto con latte vaccino. Questo formaggio, definibile come fresco dato il suo contenuto in acqua (circa il 60%), rappresenta una fonte di proteine di origine animale, perciò di elevato valore biologico: ne contiene circa 18g/100gr di prodotto.
Il suo contenuto in grassi (animali) è di circa 20gr/100 gr. La mozzarella è fonte anche di alcuni minerali, in particolare fosforo (350 mg/100gr) e calcio (150 mg/100gr) entrambi importanti nel mantenimento di ossa e denti, e vitamine, tra le quali è da ricordare la vitamina A.

Tra i latticini, la mozzarella è senz’altro un formaggio da preferire all’interno di una dieta equilibrata sia per l’apporto calorico non eccessivo (253 Kcal/100gr) che per il minor contenuto in sodio e grassi rispetto a formaggi più stagionati. Si presta poi a ricettazioni di vario tipo e può essere consumata anche da sola con l’aggiunta solo di un filo d’olio.


Molto nota nel nostro paese è anche la mozzarella di bufala a denominazione DOP. Essa presenta delle caratteristiche nutrizionali diverse dalla mozzarella fiordilatte per la diversa composizione del latte da cui si produce: in particolare ha un maggior contenuto di grassi (circa 24gr/100gr), di sodio, ma apporta più calcio (circa 210mg/100gr).

Molluschi

Tra i prodotti della pesca sono contemplati anche i molluschi, animali perlopiù acquatici, così chiamati per la consistenza molle del loro corpo. Alcuni sono privi di conchiglia esterna (seppia, polpo, calamaro), altri presentano una conchiglia a una sola valva (lumaca, patella), altri ancora sono caratterizzati da una conchiglia a due valve (ostriche, vongole, mitili).

I molluschi sono facilmente digeribili e poveri in lipidi, contengono proteine in buona quantità, acidi grassi polinsaturi (in particolare gli omega-3, a cui sono attribuite proprietà importanti per il nostro organismo), sali minerali quali sodio, potassio, fosforo, calcio, ferro, iodio, zinco e selenio, vitamina A e vitamine del gruppo B.

I molluschi si vendono freschi o surgelati, possono essere utilizzati in numerose preparazioni culinarie di antipasti, primi e secondi piatti. È importante limitare il più possibile il consumo di molluschi crudi.

Merluzzo

Il merluzzo è un pesce che appartiene alla categoria dei pesci magri, avendo un contenuto di grassi di circa l’1%, e che erroneamente viene ritenuto ricco di grassi.

La carne del merluzzo, ma più in generale del pesce, è facilmente digeribile grazie alle caratteristiche delle sue fibre muscolari. Queste carni contengono proteine ad elevato valore biologico, ossia proteine caratterizzate da una composizione aminoacidica ottimale.

Inoltre il pesce contiene acidi grassi polinsaturi omega 3 (tipologia di lipidi che per la loro importanza vengono definiti “essenziali”) e fornisce un buon apporto di iodio, ferro e selenio, nonché di vitamine A e D. La frequenza di consumo del pesce consigliata è di almeno due porzioni alla settimana.

Melanzana

La melanzana è una verdura povera di calorie, con una discreta quantità di fibra alimentare, oltre a sali minerali (potassio, fosforo e calcio) e vitamine (vitamina C e gruppo B).

Per questi motivi, la melanzana entra spesso a far parte delle diete dimagranti anche se è sempre da tenere sotto controllo il condimento che si utilizza nella loro preparazione. Di frequente, infatti, la melanzana entra a far parte di pietanze molto elaborate (come ad esempio la parmigiana) che, oltre a diminuirne la digeribilità, portano ad un valore calorico complessivo molto elevato.
In alternativa possono essere preparate in umido o alla griglia.

Mela

La mela è un frutto dotato di proprietà nutrizionali molto interessanti. Considerando le moltissime varietà presenti, apporta mediamente un numero limitato di calorie (circa 45) ed al tempo stesso contiene fibra, vitamine e sali minerali.
Tra le vitamine spicca la vitamina C: 100 grammi di mela apportano infatti circa 12mg di vitamina C, ossia circa il 25% del fabbisogno giornaliero raccomandato per un uomo adulto.
Tutte queste caratteristiche fanno della mela un ottimo spuntino anche per chi vuole mantenere un peso ideale.

Mandorle

Le mandorle costituiscono un ingrediente che si presta per la preparazione di molte ricette, sia dolci che salate.
Da un punto di vista nutrizionale si caratterizzano per l’alto contenuto calorico, comune a tutta la frutta secca, e per l’elevato contenuto in grassi, costituiti in gran parte da grassi insaturi ed in particolare da monoinsaturi.
L’elevato contenuto in lipidi rende necessario tenere d’occhio le quantità consumate.

Le mandorle sono anche un'ottima fonte di magnesio e vitamina E e, tra i diversi tipi di frutta secca, rappresentano quelli con il contenuto più elevato di fibre (12%).

Limone

Il limone è un agrume che deve il suo sapore acidulo all’elevata presenza di un particolare acido, denominato acido citrico. Da un punto di vista nutrizionale si caratterizza per l’elevato contenuto di vitamine, soprattutto vitamina C (50-60mg per 100g): questa è una vitamina, chiamata anche acido ascorbico che gioca un ruolo di primo piano sulla protezione dai radicali liberi che possono danneggiare il nostro organismo. Le principali fonti alimentari sono costituite appunto dagli agrumi ma anche da altri vegetali tra i quali pomodori, peperoni e ortaggi a foglia verde.

Per mantenere intatte le proprietà delle vitamine è fondamentale assumere il frutto o il succo appena sbucciato o spremuto.

Legumi

Tante proteine e fibra solubile: sono questi i due punti di forza dei legumi. 

Le proteine sono presenti in quantità variabili a seconda delle diverse tipologie di legumi, ma in generale possiamo affermare che non hanno valore biologico elevato, se comparato con quello di altri prodotti (ad esempio la carne). Questo a causa dell’assenza di alcuni aminoacidi fondamentali per il nostro organismo che sono invece presenti in altri alimenti, tra i quali i cereali (che tra l’altro risultano a loro volta privi degli aminoacidi presenti nei legumi). La combinazione legumi-cereali consente di innalzare tale valore e pertanto piatti come pasta e fagioli, pasta e piselli ecc. rappresentano ottimi abbinamenti. 

Le fibre presenti nei legumi, invece, concorrono ad aumentare il senso di sazietà, a rallentare lo svuotamento gastrico e a favorire il transito intestinale. Queste fibre sono responsabili però anche del gonfiore che può conseguire al consumo dei legumi: la fermentazione delle fibre, infatti, porta alla formazione di molecole gassose.

Gamberi

I gamberi, come molti altri crostacei, sono caratterizzati da una carne facilmente digeribile e non molto calorica (106 kcal/100g). Contengono buone quantità di vitamina del gruppo B, oltre a sali minerali, quali iodio, zolfo, fosforo, sodio e potassio, quantità non trascurabili di colesterolo e una buona dose di acidi grassi polinsaturi omega-3 che sembra possiedano effetti positivi su diverse funzioni dell’organismo umano. 

I gamberi si trovano in commercio freschi o congelati e si consumano prevalentemente bolliti e arrostiti.

Funghi

I funghi rappresentano un alimento poco calorico e possono essere utili per preparare ricette gustose e leggere. Il basso apporto calorico è dovuto all’elevato contenuto di acqua (80-90%) ed allo scarso contenuto in grassi e carboidrati. 

Per quanto riguarda le proteine, queste sono ad elevato potere nutritivo in quanto costituite da tutti gli aminoacidi essenziali. Questi ultimi possono essere definiti come i “mattoni” necessari per la costruzione delle proteine: non possono essere sintetizzati nel nostro organismo e, pertanto, devono essere obbligatoriamente introdotti con la dieta.

Formaggi

I formaggi, come altri derivati del latte, costituiscono un’ottima fonte di calcio, minerale che gioca un ruolo importante nella costituzione e nel mantenimento della struttura ossea. Circa il 99% del calcio introdotto con la dieta, infatti, si deposita nelle ossa e nei denti.

I formaggi, però, apportano anche quantità di grassi piuttosto elevate (variabili in funzione della tipologia di prodotto), perciò non andrebbero consumate più di 4 porzioni a settimana.

A questo proposito è anche opportuno ricordare che i formaggi non andrebbero consumati dopo un pasto completo, ma costituiscono un vero e proprio secondo piatto.

Fichi

I fichi rappresentano un frutto gustoso dolce ma con un apporto calorico medio: 100 grammi di prodotto forniscono infatti circa 50kcal, valore inferiore a quello apportato da altra frutta come uva, kaki, banane e mandarini. Le calorie però aumentano notevolmente se parliamo del fico secco. Importante è l’apporto dei cosiddetti micronutrienti: sono ricchi infatti di vitamine, soprattutto A e C, oltre a contenere buone quantità di ferro, potassio e manganese.

Farro

Il farro è un cereale caratterizzato da un elevato contenuto di carboidrati complessi, ma anche da buone quantità di fibra (circa 2 grammi per 100 grammi). Col termine fibra si intendono tutti i componenti di origine vegetale che attraversano il tubo digerente senza essere digeriti ed assimilati. Per questo motivo la fibra, pur avendo valore nutritivo scarso, può apportare importanti benefici alla salute.

Farina integrale

La farina integrale, rispetto a quella bianca, contiene più fibra. Questo perché il processo di lavorazione non prevede la fase di raffinazione (ossia l’eliminazione dell’involucro esterno) che rappresenta proprio la fase che comporta la maggior perdita di micronutrienti e di fibra. Con la raffinazione viene infatti eliminata la cosiddetta “crusca”, ricca appunto in fibra.

La fibra esplica un elevato numero di funzioni benefiche, seppur non apportando alcun valore calorico aggiunto. Oltretutto, la fibra genera volume nello stomaco, contribuendo al raggiungimento del senso di sazietà. Ciò rende i prodotti integrali ideali per i soggetti che seguono un regime ipocalorico, anche se consumare questi alimenti rappresenta una buona abitudine per chiunque.

Fagiolini

I fagiolini sono vegetali poveri di calorie, quindi ideali anche per un consumo giornaliero. Contengono buone quantità di micronutrienti, principalmente vitamine (soprattutto vitamina C), fibra e sali minerali (tra i quali fosforo, calcio, potassio, ferro e rame).

Le quantità di questi nutrienti dipendono ovviamente dal metodo di cottura utilizzato per la preparazione, in quanto esso può portare ad una perdita di certe sostanze che possono passare al liquido di cottura.

Fagioli

Miniera di carboidrati, proteine e fibra: così possono essere descritti i fagioli che possiedono un alto valore nutritivo (107 kcal per 100 grammi per i fagioli borlotti), fornito soprattutto dai carboidrati. Contengono anche minerali (ferro) e fibra, localizzata nella buccia, che favorisce le funzioni intestinali. Inoltre, come tutti i legumi, sono i prodotti vegetali a più elevato contenuto proteico: ne contengono circa il doppio dei cereali e quantità analoghe alla carne.

Le proteine dei legumi, però, non contengono tutti gli aminoacidi essenziali (i “mattoncini” necessari al nostro organismo per costruire le proteine). Questa mancanza è comunque facilmente colmabile se si abbinano i fagioli, o più in generale tutti i legumi, con i cereali.

Ad esempio i piatti della nostra antica tradizione come la classica “pasta e fagioli” costituiscono un ottimo abbinamento da un punto di vista sensoriale ma anche nutrizionale, proprio perché i cereali possiedono i “mattoncini” che sono invece assenti nelle proteine dei legumi. Quanto alla frequenza di consumo, i legumi dovrebbero essere consumati almeno 2 volte alla settimana attraverso porzioni di circa 30g (prodotto secco) o 100g (prodotto fresco).

Erbe aromatiche

Le erbe aromatiche presentano genericamente un sapore meno forte delle spezie e possono essere utilizzate per conferire ai cibi un sapore particolare, esaltare quello naturale, rendere più digeribili le preparazioni (ad esempio sostituendo alcuni condimenti).

Di alcune erbe aromatiche si utilizzano le foglie (alloro e basilico), di altre i bulbi (aglio e cipolla) e di altre ancora i semi (finocchio e sedano).

Il contenuto medio in proteine è più elevato nei semi (si avvicina al contenuto nei legumi secchi, esclusa la soia), così come il contenuto in lipidi (29-55%). Le erbe aromatiche in foglie si caratterizzano per un rilevante contenuto di ferro (30-50 mg/100g) e di sodio.

Crostacei

I crostacei sono animali perlopiù acquatici con corpo e arti protetti da una corazza che li ricopre interamente.

Le più importanti specie di interesse alimentare sono l’aragosta, l’astice, la canocchia, il gambero, il granchio e lo scampo.
Hanno un apporto calorico piuttosto ridotto e sono quindi adatti per le diete ipocaloriche. Sono facilmente digeribili e apportano buone dosi di proteine e di grassi, tra i quali gli omega-3. Inoltre le carni sono ricche di iodio, molecola essenziale per il funzionamento della tiroide.

Al tempo stesso, l’elevata presenza di iodio rende questi prodotti poco adatti ai soggetti che necessitano di regimi dietetici poveri di questo minerale.
Il contenuto in proteine varia dal 14% al 22% secondo le specie, i lipidi dall’1 al 3%. I crostacei sono inoltre caratterizzati da un buon contenuto di vitamine del gruppo B e di sali minerali, nello specifico iodio, zolfo, zinco, fosforo, sodio e potassio.
Si possono trovare in commercio freschi, congelati (crudi e cotti) e inscatolati (cotti), mentre l’aragosta e l’astice vengono venduti vivi.

Cocco

La noce di cocco è un alimento molto nutriente. Presenta infatti un contenuto in lipidi piuttosto elevato e, di conseguenza, costituisce uno dei frutti con il più elevato apporto calorico. Ciò rende necessaria una particolare attenzione alle quantità che vengono consumate, soprattutto nei soggetti che vogliono seguire una dieta ipocalorica.

Allo stesso tempo, però, la noce di cocco è ricca di minerali (primo fra tutti il potassio) e carboidrati. Inoltre, nella polpa sono presenti una serie di aminoacidi essenziali, importanti per l’organismo.

Cioccolato

Il cioccolato si ottiene dalla miscelazione del cacao con altri ingredienti (latte, burro di cacao, zucchero...).
Unica eccezione è rappresentata dal cioccolato bianco, ottenuto dal burro di cacao senza aggiunta di cacao.

Ovviamente le caratteristiche nutrizionali dei diversi prodotti finiti risentono dell’aggiunta di questi ingredienti.

In particolare, i valori nutrizionali dipendono dalla percentuale di cacao presente anche se hanno un apporto calorico che si aggira intorno alle 550 kcal per 100 grammi di prodotto, indipendentemente dalla tipologia.

Il cioccolato, soprattutto quello fondente, è oggetto di studi grazie anche alla presenza di componenti minori, come i flavonoidi. Nel cioccolato si trovano poi alcuni minerali, come ferro, magnesio e fosforo.

Cereali

I cereali forniscono la maggior parte della propria energia nutritiva grazie all’amido: esso è uno zucchero complesso, formato da molte molecole di glucosio legate tra loro, che costituisce il carboidrato di riserva delle piante.

I semi ancora intatti costituiscono anche un’ottima fonte di fibra che però viene in gran parte persa a causa dei processi di lavorazione. Buono è anche l’apporto di proteine vegetali.

I cereali integrali (pasta, pane, corn flakes) sono da preferire a quelli raffinati per poter incrementare l’apporto giornaliero di fibra.

Carota

La carota è senza dubbio uno degli alimenti da introdurre anche nella dieta di chi deve costantemente tenere d’occhio “l’ago della bilancia”: contiene infatti solo circa 35 kcal per 100 grammi ed è praticamente priva di grassi.

Essa costituisce inoltre una delle fonti per eccellenza di vitamina A che gioca un ruolo importante nel rafforzamento della vista. È importante consumare le carote con un condimento a base grassa (ad esempio un filo d’olio) così da rendere maggiormente utilizzabile da parte dell’organismo la suddetta vitamina che fa parte delle “liposolubili” (ovvero solubili nel grasso). Oltre a queste sostanze, le carote contengono vitamine del gruppo B, PP, D, E ed una discreta quantità di fibra.

Carni bianche

Carne

La carne è un alimento importante nella dieta specialmente nell’età dello sviluppo, grazie alla presenza di proteine ad elevato valore biologico, ma anche di vitamine del gruppo B (principalmente B12), zinco, rame e selenio. La carne inoltre contiene ferro in una forma altamente utilizzabile dall’organismo: questo minerale è essenziale per il trasporto di ossigeno nelle cellule dell’organismo. La carne rossa, ne rappresenta la fonte principale ma questo nutriente è presente anche nel pesce grasso, nella carne di pollo e tacchino e nella frutta secca. Secondo la Piramide Alimentare Mediterranea, dovremmo assumere 3-5 porzioni di carne alla settimana privilegiando le carni bianche e limitando le carni rosse a poche volte al mese.

Carciofo

Il carciofo è un ortaggio ricco di sostanze nutritive importanti per il nostro organismo. Oltre al contenuto in carboidrati e proteine, infatti, il carciofo contiene molti minerali tra i quali sodio, potassio, calcio, fosforo, ferro ma anche vitamine (C, B1 e B3) ed ha un elevato contenuto di fibra.

Broccoli

Per le loro proprietà nutritive, i broccoli sono alimenti davvero salutari. Essi appartengono alla famiglia delle Crucifere che comprende anche altri ortaggi piuttosto comuni come il cavolo, il cavolfiore e i cavolini di Bruxelles.

I broccoli sono infiorescenze molto ricche di proprietà nutritive ma povere di calorie (34 Kcal per 100grammi): contengono discrete quantità di vitamine (soprattutto C), oltre a ferro, calcio, potassio e a buone dosi di fibra, utile per aumentare il senso di sazietà.

Asparagi

Gli asparagi hanno un buon contenuto di Vitamina C, importante antiossidante, e di minerali tra cui il ferro.
Oltre a contenere fibra ed avere un contenuto calorico ridotto, gli asparagi possiedono anche proprietà diuretiche.

Dove si può trovare la Pasta Fillo?

La Pasta Fillo è al momento fuori commercio però ci sono tanti altri tipi di pasta Buitoni che possono aiutare a trovare l'ispirazione in cucina.

Come mai non si trova più in commercio Buitoni Idea Per… Il Saccoccio alle Erbe Provenzali, ma si trova solo quello alle Erbe Mediterranee?

Buitoni Idea Per... Il Saccoccio ha migliorato la ricetta alle Erbe Provenzali rendendola più buona e Mediterranea, aggiungendo rosmarino e salvia. Questa è la ricetta che si troverà in commercio e che sostituirà lentamente la prima (che quindi si potrà trovare ancora in qualche negozio).

A cosa serve la valvola presente sulle confezioni di base per focaccia?

La pasta per focaccia contiene il lievito, microorganismo essenziale per la produzione della pasta; durante la conservazione, il lievito si mantiene vivo e nel suo processo di respirazione produce l'anidride carbonica che tende a far gonfiare la confezione. La valvola permette la fuoriuscita dell'anidride carbonica quando all'interno si crea una pressione.

Dopo la cottura con Buitoni Idea Per… Il Saccoccio, la pelle del pollo verrà croccante come la preparazione casalinga?

No, il pollo sarà tenero e succoso. Per renderlo un po' più croccante, una volta tirato fuori il pollo dal forno, basta bucare il sacchetto 10 minuti prima di servirlo in tavola.

Cosa succede se si inserisce nel sacchetto di Buitoni Idea Per… Il Saccoccio delle verdure oltre al pollo?

Buitoni suggerisce la preparazione con patate, proporzionando le quantità (800gr di pollo e 400gr di patate). Aggiungendo altre verdure, come funghi e pomodori, all'interno del sacchetto, il sughetto risulta un po' meno denso ma comunque gustoso.

È meglio inserire in Buitoni Idea Per… Il Saccoccio il pollo intero o a pezzi?

Non c'è differenza nella preparazione: rispettando le quantità e i tempi indicati sulla confezione è possibile preparare entrambe le ricette.

È possibile utilizzare Buitoni Idea Per… Il Saccoccio per preparare altri tipi di carne, oltre al pollo?

Buitoni Idea Per... Il Saccoccio può essere utilizzato per preparare il pollo, le costine e l'arrosto. Per scoprire tutta la gamma e scegliere Idea Per... Il Saccoccio giusto in base al piatto che si vuole portare in tavola. Basta visitare la sezione del sito dedicata: www.buitoni.it/prodotti/elenco-dei-prodotti/buitoni-idea-per/.

È normale che Buitoni Idea Per… Il Saccoccio durante la cottura nel forno si gonfi?

Il sacchetto si gonfia a causa dell’aumento naturale di pressione al suo interno.
È importante seguire le indicazioni sulla confezione de Il Saccoccio per conoscere le corrette modalità  di chiusura. È inoltre buona norma posizionare la teglia nel livello più basso del forno in modo che il sacchetto gonfiandosi non rischi di toccare le serpentine di calore sul soffitto che lo bucherebbero.

Di cosa è fatta la plastica di Buitoni Idea Per… Il Saccoccio? È sicura?

Il sacchetto è fatto di uno speciale PET che resiste alle alte temperature ed è stato appositamente testato in laboratorio per questa specifica applicazione. Tale sacchetto non rilascia nessuna sostanza, è quindi sicuro per la salute e non comporta modifiche delle caratteristiche organolettiche del cibo inserito.
Il contatto del sacchetto con il cibo è sicuro: il materiale è infatti idoneo al contatto con gli alimenti ed è conforme a tutte le disposizioni legislative pertinenti.

Pasta Sfoglia e Pasta Brisée: quando è meglio scegliere l’una piuttosto che l’altra?

La Pasta Sfoglia è ideale per preparare torte salate, primi o secondi piatti in crosta e dolci, mentre la Pasta Brisée Buitoni è perfetta per dare alle quiche, torte pasqualine, tartellette o cestini un risultato più croccante.

È consigliabile surgelare le Basi fresche?

Non raccomandiamo la congelazione dei prodotti Buitoni perché perderebbero le loro caratteristiche principali. Consigliamo, inoltre, di consumarli entro la data di scadenza.

Dove si possono trovare i ricettari Buitoni?

Nella sezione dedicata www.buitoni.it/ricette, si possono trovare tantissime ricette e video ricette. In caso di dubbi, o per richieste di consigli, è anche possibile contattare lo chef Buitoni.

La confezione delle verdure de la valle degli orti è riciclabile?

Al momento le confezioni delle verdure de La Valle degli Orti non sono riciclabili perché composte da un film accoppiato smaltibile nella raccolta generica. Per scoprire l'impegno de La Valle degli Orti per l'eco-sostenibilità, è possibile visitare la pagina www.buitoni.it/la-valle-degli-orti/pagine-verdi.

Buitoni idea per… il saccoccio contiene glutine? è adatto per persone celiache?

Purtroppo Buitoni Idea Per... Il Saccoccio non è indicato per i consumatori celiaci in quanto contiene proteine idrolizzate da frumento. Si possono invece tranquillamente consumare tutte le Salse e i Pesti freschi Buitoni presenti nel Prontuario AIC.

Buitoni idea per… il saccoccio contiene glutammato?

Buitoni Idea Per... Il Saccoccio non contiene glutammato.

Nelle fette biscottate buitoni sono presenti tracce di frutta a guscio?

In tutte le fette biscottate Buitoni non è presente frutta secca a guscio.
Nestle 150 Years